Fibre e Materie Prime
Fibre e Materie Prime


11/6/2001

"Grandi margini di miglioramento per le prestazioni delle fibre chimiche."
Alessandro Cerretini (Moderatore)
in risposta a: Quanto potranno migliorare le prestazioni meccaniche delle fibre chimiche? di Raffaele De Maria


Nella relazione di Arun P. Aneja & John P. O'Brien della DuPont di Kinston (USA), presentata a Techtextil di Francoforte (2001) si pone l'attenzione sul fatto che le fibre sintetiche sfruttino solo in parte le potenziali prestazioni che la materia potrebbe dare.
Difetti strutturali, ad esempio legati alle lavorazioni che portano alla realizzazione delle fibre, riducono notevolmente le potenzialità intrinseche della materia.
Tra l'altro risulta evidente come le fibre particolarmente fini e micro, proprio perché riducono con la sezione trasversale la probabilitą di difetti, abbiano prestazioni decisamente migliori rispetto a quelle tradizionali.
Questo riguarda sia il modulo che la resistenza.

I valori teorici stanno quindi ad indicare il limite a cui le fibre reali possono tendere, migliorando ed affinando i processi di realizzazione. (vedi allegato: grafico1271.gif).

Oggi le fibre hanno un modulo effettivo che oscilla tra il 4% ed il 16% di quello teorico ed una resistenza che Ź solo il 3-4%, sempre del valore teorico (vedi allegato: grafico1272.gif).

Allegati:

grafico1271.gif
grafico1272.gif